Home » Storia della Colonna Infame by Alessandro Manzoni
Storia della Colonna Infame Alessandro Manzoni

Storia della Colonna Infame

Alessandro Manzoni

Published
ISBN : 9788804247555
Paperback
240 pages
Enter the sum

 About the Book 

Da wikipedia:Storia della Colonna Infame è un saggio di tipo storico scritto da Alessandro Manzoni in un arco di tempo piuttosto lungo. Radicalmente legata al romanzo I promessi sposi, la vicenda avrebbe dovuto far parte del V capitolo del IV tomoMoreDa wikipedia:Storia della Colonna Infame è un saggio di tipo storico scritto da Alessandro Manzoni in un arco di tempo piuttosto lungo. Radicalmente legata al romanzo I promessi sposi, la vicenda avrebbe dovuto far parte del V capitolo del IV tomo dellopera nella sua prima edizione, resa pubblica con il nome di Fermo e Lucia. Manzoni tuttavia reputò che tale lunga digressione, che ne seguiva unaltra sui tragici eventi della peste, avrebbe fuorviato i suoi lettori.Caratteristica inconfondibile dellautore è stata la perenne insoddisfazione e la conseguente rivisitazione di tutte le sue opere, caratteristica che lo porterà a escludere la vicenda della Colonna Infame con lintenzione di pubblicarla come appendice storica nella seconda edizione del romanzo. Il brano era infatti decisamente troppo lungo per essere inserito allinterno del romanzo. Manzoni lo pubblicherà in seguito, nel 1840, con il titolo noto.La vicenda narra dellintentato processo a Milano, durante la terribile peste del 1630, contro due presunti untori, ritenuti responsabili del contagio pestilenziale tramite misteriose sostanze, in seguito ad unaccusa - infondata - da parte di una donnicciola del popolo, Caterina Rosa.Il processo, svoltosi storicamente nellestate del 1630, decretò sia la condanna capitale di due innocenti, Guglielmo Piazza (commissario di sanità) e Gian Giacomo Mora (barbiere), sia la distruzione della casa-bottega di questultimo. Come monito venne eretta sulle macerie dellabitazione del Mora la colonna infame, che dà il nome alla vicenda.Solo nel 1778, a seguito della pubblicazione delle Osservazioni sulla tortura di Pietro Verri, la Colonna Infame, ormai divenuta una testimonianza d’infamia non più a carico dei condannati, ma dei giudici che avevano commesso unenorme ingiustizia, fu abbattuta. Nel Castello Sforzesco (Milano) se ne conserva la lapide, che reca una compiaciuta descrizione, in latino seicentesco, delle pene inflitte.Con questa tragica vicenda, Manzoni vuole affrontare il rapporto tra le responsabilità del singolo e le credenze e convinzioni personali o collettive del tempo. Tramite unanalisi storica, giuridica e psicologica, lautore cerca di sottolineare lerrore commesso dai giudici e labuso del loro potere, che calpestò ogni forma di buonsenso e di pietà umana, spinti da una convinzione del tutto infondata e da una paura legata alla tremenda condizione del tempo provocata dallepidemia di peste. Notevole è che gli untori furono una prerogativa di quei tempi: non se ne ha notizia nelle precedenti epidemie.